Spedizione gratuita da 79,00 €

Basilicata

Una natura autentica e incontaminata circondata dall’antico patrimonio artistico lucano e due mari a cui affacciarsi: la Basilicata è la terra dai mille volti. Qui, si creano le condizioni perfette per una produzione di vini naturali legata profondamente al proprio territorio.

Il territorio della Basilicata è prevalentemente di montagna o collinare. Sotto la zona del Vulture troviamo gli appennini, mentre la Catena della Maddalena ci accoglie per uno spicchio da ovest. Ci sono poi i versanti collinari orientali, la pianura Metapontina sul Mar Ionio, e le valli create dai numerosi fiumi, che sfociano nel Tirreno. In un panorama tanto frastagliato e originale – coadiuvato da un clima mite o continentale a seconda del luogo – la viticoltura ha da sempre un forte appiglio.

La storia della vite in Lucania ha origini molto antiche, probabilmente risalenti all’epoca dell’Antica Grecia. Le prime menzioni del vino della Basilicata si hanno infatti da Orazio, che amava i vini lucani e ne descriveva sapori e sensazioni. Il vitigno che da sempre però distingue e segna la storia di questa regione è l’Aglianico. Ai tempi dell’Antica Roma era chiamato “ellenico”, e durante il Regno di Napoli diventò il preferito da bere a corte. Dalla fine del 1400 lo chiamiamo con il suo attuale nome: aglianico.

Le zone collinari dove si coltiva la vite sono nei pressi della città di Matera, su terreni argillosi e sabbiosi. Il vitigno che qui attecchisce meglio è il Primitivo, affiancato da Cabernet Sauvignon e Merlot. Nei territori pianeggianti invece sono ideali per la produzione di vini lucani bianchi, con i vitigni Greco e Malvasia. Ma è l’Aglianico il vitigno lucano più importante, con più del 40% della superficie vitata. La produzione vinicola della Basilicata è per il 90% di vini rossi, e oltre ai sopracitati si coltivano anche Bombino Nero e Aleatico. L’unico vitigno autoctono lucano è tuttavia a bacca bianca, ed è la Malvasia di Basilicata.

La Basilicata possiede una DOCG, ossia l’Aglianico del Vulture DOCG, che si estende nella zona a nord della città di Potenza. Tra le DOC, ricordiamo l’Alta Val d’Agri DOC, Matera DOC e Grottino di Roccanova DOC.

Negli ultimi decenni anche i vini naturali lucani stanno riuscendo a costruirsi un proprio panorama, personalissimo e sempre vario. Tra le versioni organiche più note di Aglianico, citiamo l’Antelio della cantina Camerlengo, esempio di azienda che è nata accostando alle viti gli ulivi. La Basilicata si conferma ancora oggi terra dallo spirito agricolo e autentico, ricca di cultura e pregna delle proprie bellissime tradizioni. Come diceva Carlo Levi, nel mondo dei contadini non si entra senza una chiave di magia.

Camerlengo - Antelio 2018

Camerlengo - Antelio 2018

Basilicata IGT

20.00

Camerlengo - Antelio 2018

Basilicata IGT

20.00

Delivery presto disponibile!

Potrai verificate la copertura delivery nella tua zona e ordinare comodamente da casa tua.