Casot de Mailloles

Casot de Mailloles

Storicamente i Casot sono dei rifugi di pietra molto comuni nella regione di Banyuls, dove i vignaioli nei lungi cammini e nelle dure giornate lavorative sotto al sole erano soliti fermarsi per prendere un po’ di ombra e ripararsi dal sole, dal vento e della pioggia, contribuendo a plasmare i vini di questa zona. La cantina Casot des Mailloles nasce nel 1994 per mano di Alex Castex a Banyuls-sur-Mer, insieme a sua moglie hanno costruito le basi per produrre vino in un ideale ecosistema. L’azienda conta circa quattro ettari di vigneti che sono tutti terrazzamenti, l’uva prodotto viene trasformata in una produzione annuale di 12.000 bottiglie. Impiantare delle vigne sui terrazzamenti comporta molto lavoro a livello organizzativo e manuale, evitando l’uso di macchinari agricoli che avrebbero difficolta a lavorare in spazi stretti e facendo sì che si rispettino i principi dell’agricoltura biodinamica.

Il contorno caratteristico dei muri a pietra a secco danno un’impronta caratteristica alla cantina ma anche tanto lavoro in più di manutenzione. Le varietà principalmente coltivate sono il vermentino, grenache gris, grenache blanc, la rousanne per i bianchi e il syrah, grenache noir, il carignan ed il mouvedre per i rossi. All’interno dei vigneti per contribuire a creare biodiversità e dare ossigeno ai terreni sono impiantati olivi e mandorli e per contribuire a curare la vigna abitualmente sono fatti scendere animali da pascolo in mezzo ai vigneti per fornire sia concime naturale che per pulire la vigna in modo completamente naturale.

Le lavorazioni in vigna e le lavorazioni in cantina seguono in maniera ferrea la filosofia biodinamica, si effettuano solo fermentazioni spontanee, filtrazioni e chiarifiche sono totalmente assenti. Il percorso che viene portato a compiere il vino deve essere naturale per trasmettere in ogni bottiglia e in ogni bicchiere quell’espressione di artigianale tipica della cantina e far trasparire la fatica di coltivare la vigna attraverso dei terrazzamenti. Il risultato dell’applicazione della filosofia a 360° è quella di mettere in commercio vini dal grande carattere e che trasmettano sentimenti ed emozioni a chi li assaggia per la prima volta.