Col Di Corte

col di corte

La tenuta vitivinicola Col di Corte nasce nel 2012 nel piccolo comune di Montecarotto, provincia di Ancona, nelle Marche, ad opera di Giacomo Claudio Rossi e l’enologo Claudio Caldaroni. Col di Corte si estende su circa 12 ettari di terreno: 4 destinati alla coltivazione di Verdicchio, 3 al Montepulciano, 2 alla Lacrima di Morro d’Alba e 2 per Sangiovese e Cabernet Sauvignon. La tenuta sorge sulla riva a nord dell’Esino dove caratteristiche territoriali e climatiche offrono ai vini delle peculiarità che i vigneron cercano di mantenere e trasmettere a chi li beve. Il territorio che è naturalmente propenso alla coltivazione della vite viene gelosamente curato e custodito dai vigneron che seguono i dettami dell’agricoltura biologica e biodinamica.

Le viti di circa 30 anni di età crescono su terreni con forti pendenze, composti da spessi strati d’argilla e sabbia a circa 200 mt di altitudine. In tenuta come in cantina non vengono utilizzati elementi chimici o diserbanti che potrebbero stressare il ciclo vita della pianta e alterare le proprietà organolettiche delle uve. In tenuta si segue la stagionalità, segno distintivo dei vini che a seconda dell’andamento delle stagioni precedenti la vendemmia vengono poste sull’etichetta. L’obiettivo principale è quello di creare vini riconoscibili e territoriali, ricchi di sfumature che solo il rispetto delle diverse evoluzioni delle stagioni è in grado di regalare. I vini di Col di Corte sono semplici e genuini, capaci di andare “dritto al punto”, un vero inno all’artigianalità delle Marche e alle sue tradizioni contadine.