Pacina

pacina

La cantina Pacina nasce a cavallo tra Arezzo e Siena, a Castelnuovo Berardenga in Toscana. La tenuta circondata da un totale di 65 ettari di terreno – di cui circa 11 sono coltivati a vite – è di proprietà della famiglia Tiezzi da oltre cinque generazioni ma è solo a partire dagli anni ’70 che la famiglia si trasferisce in pianta stabile in loco. L’azienda Pacina si occupa della coltivazione di viti, olivi, cereali e legumi vari, lasciando qualche ettaro libero e a disposizione della natura per garantire l’equilibrio dei terreni e le biodiversità fondamentali per ottenere prodotti autentici. I genitori di Giovanna – che attualmente si occupa a tutto tondo della gestione della tenuta insieme a suo marito e ai loro figli – hanno da sempre condotto coltivazioni biologiche, anticipando i tempi e rimanendo fedeli alla loro formazione ecologista; la cantina è infatti certificata biologica da oltre 20 anni.

La tenuta è collocata a circa 350 metri sopra al livello del mare e si appoggia su un terroir dalla composizione geologica antichissima a base di sedimenti marini, sabbia e argilla. Il modo di fare il vino e di coltivare le terre qui è lo stesso da cinque generazioni, e si basa su un’ideologia ben salda tramandata all’interno della famiglia: ciò che conta è il rispetto per la natura. In vigna sono ammesse unicamente piccolissime percentuali di rame e zolfo e nessun additivo chimico, mentre in cantina le fermentazioni sono tutte spontanee e con soli lieviti indigeni. La cura dei dettagli e l’attenzione estrema a tutti i processi di lavorazione della pianta e del prodotto finale sono ciò che rendono da sempre speciale questa cantina. Lo scopo è quello di esaltare le biodiversità presenti sul territorio e di produrre vini autentici che riportano fedelmente i sentori tipici degli uvaggi toscani. Pacina si occupa principalmente di uvaggi autoctoni di Sangiovese, Canaiolo, Ciliegiolo, Trebbiano Toscano, Malvasia del Chianti e un piccolissima parte di Syrah, per una produzione annua di bottiglie che raggiunge circa le 40000 unità.