Spedizione gratuita da 79,00 €

Vini Georgiani

La Georgia è uno stato molto piccolo, ma non lasciamoci ingannare: i gioielli più preziosi, per brillare, non hanno bisogno di spazio, basta la luce. Accendiamo dunque un faro su questa strabiliante nazione, che non è altro che il paese in cui è nata la viticoltura.

Le più antiche testimonianze della coltivazione della vite si trovano proprio qui: 8mila anni fa, le valli del Caucaso sono state la culla del vino georgiano, che a sua volta pare essere stato il primo succo d’uva fermentato al mondo. Questo primato è stato confermato dal ritrovamento di otto giare risalenti al 6.000 a.c., che contenevano tracce di vino. La storia di questo paese, parte dell’Unione Sovietica fino al 1991, è complicatissima – basti pensare, in tempi recenti, alla campagna antialcol di Gorbačëv nel 1985, e all’embargo dei vini georgiani voluto da Putin nel 2006, poi revocato nel 2011. Da un mercato limitato, però, migliaia di agricoltori georgiani si sono dedicati ancora di più alla qualità dei loro prodotti, andando a creare etichette georgiane oggi anelate in tutto il mondo.

Da un punto di vista territoriale, la Georgia ha clima e suoli ideali per la coltivazione dell’uva da vino. Inverni miti ed estati non troppo calde sono merito della posizione strategica: tra le montagne del Caucaso e le coste del Mar Nero. La regione del Kakheti produce circa il 70% del totale annuo. Altre zone importanti per la crescita dei vitigni georgiani sono Kartlil’Imeretie, e Ratscha-Letschchumi.

La Georgia possiede innumerevoli vitigni autoctoni, la maggior parte dei quali sconosciuti a livello internazionale. I più importanti sono il Rkatsiteli, per vini bianchi secchi, Mtsvane, da cui derivano vini bianchi aromatici e fruttati, e Saperavi, che produce vini rossi di corpo e intensi, come la versione artigianale di Akhmeta Wine House, un vino naturale georgiano prodotto con Qvevri (o Kvevri).

La particolarità della vinificazione georgiana è il processo antichissimo che ancora oggi, tra i vini naturali georgiani, continua a seguirsi. Le uve fermentano senza essere diraspate in anfore di argilla chiamate Qvevri. La macerazione sulle bucce dura per periodi molto lunghi. I Qvevri – oggi patrimonio UNESCO – vengono poi sotterrati come da tradizione. Le temperature controllate del sottosuolo e i materiali presenti nelle anfore (calcare e metalli preziosi) contribuiscono a rendere i vini naturali georgiani un gioiello che brilla di luce propria.

Rkatsiteli Dato Noah

Nika Bakhia - Rkatsiteli Dato Noah 2019

Georgia

39.00

Nika Bakhia - Rkatsiteli Dato Noah 2019

Georgia

39.00
Akhmeta Wine House - Kisi

Akhmeta Wine House - Kisi 2019

Georgia

24.00

Akhmeta Wine House - Kisi 2019

Georgia

24.00
Akhmeta Wine House - Saperavi

Akhmeta Wine House - Saperavi 2017

Georgia

24.00

Akhmeta Wine House - Saperavi 2017

Georgia

24.00

Delivery presto disponibile!

Potrai verificate la copertura delivery nella tua zona e ordinare comodamente da casa tua.