L’azienda Pequena Adega Romana sorge nel comune di Valdeorras, nella regione della Galizia, Spagna.  

Francesco Testa, per gli amici Frank, romano di nascita spagnolo per adozione, decide di volare in Spagna all’estremo nord-ovest, nella zona della Galizia, appena sopra il Portogallo.  

Inizialmente si forma presso l’amico e vigneron Nacho Gonzales, della tenuta La Perdida, ma nel 2021, ormai pronto per spiccare il volo in autonomia fonda Pequena Adega Romana, in lingua gallena “piccola cantina romana”.  

L’idea è quella di seguire le orme degli antichi romani, le cui rotte li fecero arrivare sino alle spiagge dell’Oceano Atlantico; un percorso che è sia arrivo che inizio per Francesco.  

Francesco decide di recuperare vecchie varietà di vigne autoctone, in via di estinzione, come la Garnacha Tintorera, il Godello e il Godello,  vinificando in vecchie anfore tradizionale, le “tinajas” prodotte dallo storico artigiano Padilla. 

Il territorio collinare di origine fluviale, lontano dai centri abitati, regala sentori unici ai vini grazie alla vicinanza del selvaggio Oceano Atlantico, le impetuose catene montuose e profonde foreste rigogliose.  

La tenuta segue una filosofia dove “niente è aggiunto e niente viene tolto”, completamente biologico, biodinamico e naturale. Francesco non interviene per nessuna maniera in modo invasivo sulle sue preziose vigne, non usa diserbi o fitofarmaci chimici. Anche in cantina il segreto per le sue etichette è solo tempo, pazienza e le preziose anfore. 

La produzione per adesso si caratterizza di 3 etichette, fortemente territoriali, calde come il sole spagnolo e vitali come lo spirito di Frank. Contiamo che l’estro incontenibile di Francesco rifermenti nuove idee e ci faccia scoprire o ri-scoprire antichi sapori che rischiavano di essere dimenticati.