Spedizione gratuita da 79,00 €

Magazine

Magazine / Scopri

Vini naturali e Vip: chi li fa e chi li beve

Carlotta Peso 1 Luglio, 2022

Quando il successo ti dà la possibilità di fare qualunque cosa, cosa fai? Negli ultimi anni, molti VIP hanno scelto di dedicare una parte delle loro fortune al mondo enologico, investendo nella creazione delle loro personalissime etichette di vini bianchi, rossi, rosati e… naturali!

Fortunatamente, questa scelta risulta – sempre con minore frequenza – una mera questione di business. Per molti di questi personaggi di successo, infatti, il vino è diventata una vera e propria passione. E sì, ci riferiamo anche ai vini artigianali! Quali sono, quindi, i VIP che si sono appassionati all’ambito dei vini naturali, e che non rinunciano per niente al mondo al piacere di un calice autentico ed etico?

 

1. I vini con cui Dua Lipa combatte la sua “Future Nostalgia”

A proposito di VIP e vini naturali: eccone una brava, intelligente, bella e… intenditrice di vini! Una carriera agli albori e già 3 Grammy Awards in saccoccia: dal 2017, Dua Lipa monopolizza le classifiche mondiali, anno di uscita del suo primo omonimo album. Oltre ad essere una delle voci pop più influenti e seguite di questa generazione, la cantante inglese si rivela sui social una grande appassionata di vini e distillati.

Spinta dall’amico Ochin Clovis, esperto ed appassionato del mondo biologico e biodinamico, anche la nostra star dalle origini albanesi si è convertita al mondo dei vini naturali. Nei caroselli dei suoi post Instagram da milioni di likes appaiono da tempo bottiglie di produttori artigianali come Koppitsch.

È solo recentemente, però, che Dua Lipa avrebbe stilato e reso pubblica la lista delle sue cinque etichette preferite di sempre. Se avete bisogno di ispirazione per il prossimo acquisto, eccola qui:

  1. When Life Gives You Lemons Make Carbonic Pinot Noir – Koppitsch

  2. Pink Pong – JM Dreyer

  3. Le Petit Gimios – Muscat Sec

  4. SK Moscatel – Partida Creus

  5. I Vicini – Jean-Yves Peron

 

 

2. LeBron James e il suo «Chosen One»

Risale a pochi anni fa il volo pindarico delle vendite dei vini firmati Emidio Pepe negli USA. Il “colpevole”? Sua maestà King LeBron James. Tra i migliori giocatori NBA della storia, Lebron – che sui social conta più di 126 milioni di followers – non ha mai nascosto ai suoi fan quale fosse la sua seconda passione: il buon vino.

Non è raro, spulciando il suo profilo o le sue stories, imbattersi in scatti dedicati alle migliori bottiglie in circolazione. Le etichette italiane sono un must nella sua cantina ma LeBron ha dimostrato di apprezzare particolarmente anche la “nicchia” dei vini naturali.

“Only for my real vino heads. Cheers to you”

 

“Solo per i veri patiti di vino. Cin Cin”.
Così recitava la storia postata sul suo profilo, il cui protagonista assoluto era niente di meno che un Montepulciano d’Abruzzo di Emidio Pepe. Annata 2010, un calice bello pieno e il Re indiscusso del parquet che gli dichiara amore eterno: l’impennata delle vendite dell’azienda storica Pepe diventa una conseguenza logica.

 

3. Tutti pazzi per… Avaline di Cameron Diaz

L’amore si manifesta in mille sfumature: quello per il vino non fa eccezione. Ci sono VIP che amano scegliere i vini da degustare tra una selezione di etichette onerosa e ampissima, mentre altri preferiscono farselo da sé. La bella Cameron Diaz si piazza di diritto – da qualche settimana – nel secondo gruppo.

L’attrice Hollywoodiana, come altri suoi colleghi, ha da poco dato vita ad una linea personale di etichette in collaborazione con l’amica e imprenditrice Katherine Power. Il progetto, tuttavia, condivide poche somiglianze con quelli degli altri VIP: qui, infatti, si parla unicamente di vino naturale!

Le due etichette prodotte per la prima annata – un bianco ottenuto da uve spagnole ed un rosè prodotto con uve francesi – nascono da un’importantissima attenzione nei confronti della natura e del benessere. Realizzare un vino “pulito”, vegan-friendly e totalmente organico si è rivelato fin da subito l’obiettivo principale delle due star. La dose di solfiti utilizzata per la realizzazione di questo vino non tocca ancora i limiti stabiliti da associazioni quali VinNatur ma è già estremamente inferiore rispetto alle produzioni classiche.

 

4. Message in a Bottle – Sting

Non vini naturali, ma sicuramente ben lontani dalle convenzioni, sono le etichette di un grandissimo cantante innamorato dell’Italia. Vi è mai capitato di chiedervi dove fosse e cosa avesse in mente un’artista mentre dava vita alle sue opere d’arte? Noi immaginiamo Sting scrivere alcune delle sue storiche canzoni immerso nelle vigne della sua tenuta: Il Palagio.

Nel 1997 il cantante e Trudie Styler, sua moglie, acquistano e iniziano a ristrutturare un vecchio e fatiscente rudere in Toscana; 350 ettari totali di proprietà che si compongono di vigneti, uliveti, boschi e laghi. Cresciuto come amante della birra, il cantante inglese si è convertito al mondo del vino a partire dai primi anni ’90, nello stesso periodo in cui ha deciso che la sua vita avrebbe dovuto proseguire nella nostra stupenda penisola.

Grazie alla collaborazione iniziale con Alan York e – a partire dal 2020 – con l’enologo Riccardo Cotarella, la famosa coppia ha dato inizio alla loro produzione vitivinicola seguendo rigorosamente regimi agricoli biologici e biodinamici. Sister Moon e Baci sulla Bocca sono i vini che portano in alto la bandiera delle produzioni Il Palagio e che racchiudono, quasi sicuramente, un messaggio in ogni bottiglia.

Delivery presto disponibile!

Potrai verificate la copertura delivery nella tua zona e ordinare comodamente da casa tua.