Rosmarinus

rosmarinus

Rosmarinus è una piccola azienda agricola a conduzione familiare a Perinaldo, nel ponente ligure, a 500 m.s.l.m. Il credo dell’azienda sin dagli albori è quello di praticare un’agricoltura rispettosa dell’ambiente e dal 2009 che hanno deciso di sposare una filosofia che abbraccia l’agricoltura biodinamica. I terreni di proprietà dell’azienda non viene solo coltivata la vite ma vengono anche coltivati uliveti, sfruttando il giusto il clima e la costituzione del terreno e dell’ambiente circostante per impiantare piante aromatiche e arnie dove è stata avviata una produzione di miele artigianale e con le erbe sono riusciti a fare distillati di olii. Il vino è la barca che porta tutti in salvo, è l’albero maestro che dirige la passione e la propria cultura nel migliorare sempre la coltivazione in vigna e la lavorazione in cantina. L’azienda prevalentemente produce due vini che sono il Rossese di Dolceacqua DOC Alpicella e il Rossese di Dolceacqua DOC Posau provenienti da due vigneti diversi il primo proveniente dal vigneto di Perinaldo Loc.

Alpicella dove i vigneti sono impiantati in un terreno argilloso calcareo ad un’altezza a 450 m.s.l.m mentre il secondo viene prodotto a San Biagio della Cima Loc. Pinella dove la vigna e impianta in terreno flysch di Ventimiglia ad un’altezza di 200 m.s.l.m. Sono già passati parecchi anni da quando Marco Bianciardi fondatore della cantina ha messo in commercio le prime bottiglie culminando un lungo percorso di ricerca e di studio per portare un prodotto che seguisse la filosofia dell’agricoltura biodinamica. Nel tempo Marco è riuscito con fiducia e tenacia a creare una piccola realtà solida che portasse sul mercato entrambi i vini prodotti facendoli conoscere al largo pubblico.

Da qualche anno ai possedimenti di Marco si è aggiunta la vigna “Pinella” che era una vigna impiantata 90 anni fa, dove Marco ha effettuato un restauro in modo intelligente per conservare la struttura esistente dando nuova linfa alla stessa. Da questa vigna è nato il Posau, ottenuto da uve di rossese, esposte a sud, vicino al mare. Marco Biancardi nei prossimi anni continuerà a portare avanti una viticoltura basata su appezzamenti ridotti e imbottigliando gemme preziose rispettando l’ambiente e la natura.