Spedizione gratuita da 79€

Magazine

Interviste / Magazine

Enrico Druetto racconta: i vini naturali del Monferrato

Alice Carpi 19 Settembre, 2022

La zona del Monferrato è riconosciuta come un ampissimo raccoglitore di grandi nomi del panorama enogastronomico italiano. Tra queste colline verdeggianti, sono molti i produttori artigianali che negli ultimi anni hanno dato vita a piccole aziende biologiche e naturali; tra i vini naturali del Monferrato figura anche la cantina di Enrico Druetto.

Come nasce la cantina Druetto? E con quali scopi?

La prima vinificazione “professionale” avviene nel 2007; prima di allora fare il vino era un semplice ma appassionante hobby. Così appassionante da diventare ben presto una professione e un impegno totalizzante. Lo scopo dell’azienda è quello di concentrarsi sulla riscoperta e sul recupero di vecchi vitigni autoctoni e di vigne abbandonate della zona. Grazie a una collaborazione con l’Università degli Studi di Torino è stato possibile svolgere questa attività nel migliore dei modi, avendo cura di studiare a 360 gradi il territorio su cui si opera e la sua storia.

Perché proprio il Monferrato?

L’azienda Enrico Druetto nasce nel piccolo comune di Alfiano Natta, nel cuore della zona del Monferrato Casalese. Qui non esiste monocoltura, pertanto si è rivelato fin da subito il luogo adatto per sperimentare.
Inoltre, il Monferrato è un territorio da sempre vocato alla vitivinicoltura grazie alla forte presenza di elementi calcarei nel suo sottosuolo. La denominazione di questa zona è tra le più apprezzate d’Italia.

Su quali vitigni si concentra l’azienda?

I vitigni di punta della cantina, attualmente, sono il Baratuciat e la Slarina. Entrambi presentano delle particolari e rare caratteristiche di resistenza alle patologie tipiche della vite e, soprattutto, riescono a opporsi con decisione alla siccità.
Il Baratuciat, vitigno a bacca bianca, non faceva inizialmente parte delle vecchie vigne di proprietà Druetto. Fu solo dopo averne rinvenuto delle radici affioranti da un residuo roccioso che, insieme all’Università di Torino, abbiamo deciso di iniziare a coltivarlo a partire dal 2008.
La Slarina, invece, è stata rinvenuta in vigne abbandonate sepolta sotto una miriade di rovi. Proprio per questo motivo, l’etichetta ottenuta dalla vinificazione di queste uve si chiava Rovej – “rovi” in dialetto.

Come vengono gestite le vigne?

Nella maniera più semplice possibile. Intorno alle vigne sono presenti piante da frutto, fiori ed erbe molto alte, tanto che la zona può risultare vagamente “selvaggia”. Si cerca di essere quanto meno aggressivi possibile sulla collina.
Non c’è grosso interesse a seguire le pratiche dettate dalla certificazione biologica, in quanto reputiamo il concetto di vitivinicoltura naturale decisamente più ampio rispetto a quello che può essere rappresentato da una certificazione. Spesso, sui terreni si utilizzano prodotti biologici ma non si pensa davvero a rispettare il territorio.
Tutte le operazioni in vigna e in cantina vengono quindi svolte a mano, senza alcun aiuto o supporto tecnologico. L’uva si raccoglie freschissima al mattino e viene immediatamente pigiadiraspata o pressata, in base alla tipologia di vino da vinificare.

In cantina invece?

Il principio è lo stesso: semplicità. Durante tutte le fasi di vinificazione si pone un’attenzione estrema a tutto ciò che avviene e ci si basa principalmente sui cinque sensi: si osserva, si annusa, si tocca, si assaggia.
Tutti gli affinamenti vengono poi svolti in botti di rovere e, una volta pronto, il vino viene travasato una volta sola e imbottigliato con pochissima solforosa.

Per la cantina Druetto sono importantissime anche le tradizioni.

Esatto. Il richiamo alla storia del nostro territorio e alle sue tradizioni è fondamentale. Morej, il primo vino rosso della cantina, prende in prestito il nome dai mezzadri che in passato lavoravano in vigna e venivano così definiti in dialetto. Deriva da vigne antiche da cui si otteneva l’unico vino che finiva in bottiglia e non in damigiana. È per noi il vino della memoria, un esempio di come sia importante ricordare da dove si viene.

 

SCOPRI L’INTERVISTA COMPLETA:

 

 

Enrico Druetto - Preja

Enrico Druetto - Preja 2019

Piemonte

30.00

Enrico Druetto - Preja 2019

Piemonte

30.00
Enrico Druetto - Morej

Enrico Druetto - Morej 2018

Piemonte

15.00

Enrico Druetto - Morej 2018

Piemonte

15.00
Enrico Druetto - Rovej

Enrico Druetto - Rovej 2018

Piemonte

26.00

Enrico Druetto - Rovej 2018

Piemonte

26.00

Delivery presto disponibile!

Potrai verificate la copertura delivery nella tua zona e ordinare comodamente da casa tua.