L’azienda agricola Paglione sorge a Lucera, provincia di Foggia, tra i Monti Dauni e il Tavoliere delle Puglie. 

Nel 1994 l’azienda viene fondata dall’unione di due famiglie che da sempre sono vocate alla vita contadina, la famiglia Faccilongo e Albano, con il matrimonio di Beniamino e Maria Costanza. 

Sin dal principio Beniamino e Maria Costanza decidono di convertire la tenuta a filiera corta, completamente a regime biologico nel rispetto del territorio e delle tradizioni contadine tramandato dalle rispettive famiglie. Oggi la tenuta di famiglia viene gestita dal figlio Nicola che porta avanti le tradizioni della Daunia, lasciando che ogni prodotto racconti una storia e le radici contadine. 

I vitigni della tenuta sono rigorosamente varietà autoctone come il Nero di troia, il Sangiovese, il Montepulciano, la Malvasia Bianca e il Bombino Bianco. Le piante affondano le radici in un terroir di origine calcareo con presenza di pietra senza essere irrigati artificialmente. Le vigne crescono in un ecosistema unico, arricchito dalle piante di pomodori, grano e uliveti che arricchiscono il terreno e influiscono sulle qualità organolettiche delle uve. 

Dal 1994 l’azienda opera rigorosamente a regime biologico certificato dall’ente di competenza. In vigna si lavora a mano, così come facevano 60 anni prima gli antenati, senza interventi invasivi, diserbanti chimici e fitofarmaci. Anche in cantina si lascia che i vini si esprimano con i loro sentori caratterizzanti il territorio, senza effettuare procedure di filtrazione o chiarifica al momento dell’imbottigliamento. 

L’identità, la natura del lavoro e tradizioni sono i valori principe di tenuta Paglione celebrati in una produzione di 6 etichette tra bianchi e rossi tutti da scoprire, sorso dopo sorso.