Solo vini Naturali, Artigianali Biodinamici e vini FIVI | Spedizione gratuita oltre 49€

Magazine

Magazine / Scopri

Come scegliere il calice giusto per ogni vino

Carlotta Peso 16 Giugno, 2022

Se è vero che ogni abito va abbinato al giusto accessorio, anche per quanto riguarda il mondo enologico è fondamentale imparare ad associare ad ogni vino il giusto calice.

Avete capito bene, non basta selezionare un bicchiere qualsiasi dalla propria credenza; la scelta del calice vale tanto quanto la scelta dell’etichetta! Qual è quindi il match perfetto per un vino bianco? E quale per un vino rosso? Vini e bicchieri: ad ognuno il suo!

Perché è importante scegliere il giusto calice?

Il calice è quel luogo magico dove il vino trova finalmente lo spazio di esprimersi. Il suo sviluppo termina in bottiglia, ma è solo una volta giunto nel bicchiere che può finalmente spingersi a toccare i cinque sensi di chi lo beve. La forma del calice in cui viene versato è quindi fondamentale per agevolare questo processo.
Le sfumature dei colori, degli aromi e dei sapori di ogni vino vengono esaltate proprio dalla struttura della coppa in cui viene inserito. I materiali di cui si compone il calice – uniti alla sua ampiezza e alla sua altezza – determinano i livelli di ossigenazione, la struttura e la concentrazione del vino che viene versato al suo interno.

Le regole fondamentali

Prima ancora di addentrarsi nella complessa e ampissima scelta del miglior bicchiere, un vero enofilo deve essere a conoscenza delle poche – seppur fondamentali – regole base per il calice perfetto.
Un buon calice – per essere definito tale – dovrebbe essere preferibilmente costituito di cristallo o di vetro molto sottile. Questo materiale, incolore e trasparente, permette di ottenere una conoscenza a 360 gradi del vino, sia dal punto di vista visivo che da quello del gusto. La capienza è un altro degli aspetti fondamentali da tenere in considerazione. Ogni vino ha bisogno di uno spazio sufficiente per poter sprigionare le sue note organolettiche e i suoi sentori. Infine, anche la lunghezza dello stelo gioca un ruolo importante nella selezione del giusto calice: questo elemento consente di mantenere la mano lontana dalla coppa e di evitare quindi di “scaldare” il suo contenuto.

Il calice giusto per il vino bianco

Il vino bianco, generalmente giovane e fresco, richiede un calice dall’apertura più stretta rispetto al resto del suo corpo; questa caratteristica consente al vino di non disperdere il suo bouquet e di mantenere più a lungo la corretta temperatura di servizio.
La forma a tulipano guida il sorso verso la punta della lingua e successivamente ai lati della bocca, zone molto recettive rispetto alle sensazioni di dolcezza e acidità. Solo per i vini bianchi più maturi è possibile considerare l’utilizzo di un bicchiere dalla base più ampia rispetto alla versione Tulipano; ideale potrebbe essere, per esempio, un classico calice Renano.

Il calice giusto per il vino rosso

Il vino rosso, generalmente più strutturato e complesso del bianco, ha bisogno di più spazio per potersi esprimere. I calici più utilizzati per questa tipologia di vino sono sicuramente il Borgogna, e il Ballon, la cui capienza gli consente di ottenere una maggiore ossigenazione.
Il primo è perfetto per i vini corposi e mediamente invecchiati: la base panciuta e l’apertura più stretta riescono ad esaltare la percezione olfattiva degli aromi di cui si arricchiscono durante i processi di vinificazione e affinamento. La versione Ballon, dalla base ancora più ampia, è più indicata per vini dall’ampia struttura e dal lungo invecchiamento.

E per le bolle?

Gli spumanti sono sicuramente tra le tipologie di vino più apprezzate a livello globale. Eppure, la scelta del calice più adatto a questa varietà è quella che genera maggior confusione negli appassionati. È meglio scegliere il classico flûte o la famosa “coppa”?
Oggi la coppa di champagne tanto in voga a partire dagli anni ’20 viene utilizzata unicamente per spumanti dolci e aromatici; la sua ampissima superficie consente infatti a tutti gli aromi di sprigionarsi liberamente. La flûte, dalla forma alta e sottile, è la più gettonata per servire spumanti secchi ottenuti secondo Metodo Classico. È proprio in questi calici che si può apprezzare al meglio il perlage fine ed elegante di questi rifermentati.

Prodotti nel carrello

Delivery presto disponibile!

Potrai verificate la copertura delivery nella tua zona e ordinare comodamente da casa tua.