Spedizione gratuita da 79€

Magazine

Magazine / Viaggia

5 produttori imperdibili di vini naturali: Liguria di Levante

Alice Carpi 17 Giugno, 2022

Agricoltura eroica, montagne alle spalle e mare negli occhi; ma anche ripide vallate, panorami mozzafiato e aria salmastra sulle bucce.

Stiamo parlando dei vini naturali della Liguria di Levante: quelli che si coltivano tra le zone di Sestri Levante, Cinque Terre, fino alla provincia di La Spezia. Le coltivazioni si basano principalmente su vitigni a bacca bianca, quali Vermentino, Malvasia bianca lunga, Albarola, Bosco, Trebbiano Toscano. Per i rossi, invece, si hanno principalmente Ciliegiolo, Pollera nera, Merlot e Sangiovese.

Nonostante le condizioni geografiche siano piuttosto complicate, quelle pedoclimatiche convincono da generazioni i produttori vini naturali della Liguria di Levante. Nei filari verticali dei vigneti e tra le botti delle loro cantine, portano avanti tecniche artigiane e producono vini come una volta, nel rispetto di un territorio unico nel suo genere e tutt’altro che facile da coltivare.
Scopriamo i 5 produttori di vini naturali della Liguria di Levante che ci sono rimasti nel cuore.

  • Walter De Battè

Uomo, vita e terroir si riuniscono in un solo vigneron: Walter De Battè. Dopo una vita da marinaio, Walter decide di dedicarsi alla viticoltura, come già aveva fatto il padre. Nasce così Primaterra, azienda vitivinicola che dal 2003 ci regala emozioni imbottigliate apposta per noi. Le uve crescono sui versanti delle splendide Cinque Terre, per l’esattezza a Manarola. I tipici muretti a secco grazie ai quali è possibile una viticoltura rendono il panorama di questi territori ancora più spettacolare. Vero è però che coloro che si lanciano nell’impresa di coltivare nei terrazzamenti esposti al sole, faticano non poco.

Walter de Battè coltiva vitigni sia a bacca nera che bianca, e una piccola parte dei suoi terreni si estende nella zona dei Colli di Luni. I vini che ne risultano sono unici e puntano all’orizzonte: una scommessa che ha preso i contorni della promessa: Harmoge, Carlaz, Vigneto delle Pietre Nere. Ci immaginiamo un Walter che, dalle sue viti, guarda verso il mare e si immagina come dovrebbe essere il suo vino: il mare in un bicchiere.

Scopri i vini naturali di Walter De Battè

 

  • Santa Caterina

I vini naturali in Liguria non sarebbero gli stessi senza le gemme di Santa Caterina. La Lunigiana è la terra dove ulivi e viti convivono pacifici, nella punta finale del levante ligure. Qui, negli anni ’80 Andrea Kihlgren rileva l’azienda di famiglia e ne fa un marchio tra i più interessanti nel mondo della viticoltura naturale. Rispettare la propria terra significa avere la capacità di fermarsi, osservarla, e lasciare che sia lei a definirne i ritmi.

Andrea si affida dunque all’agricoltura biodinamica, e i vini che assaggiamo non sono che una splendida conseguenza degli approcci seguiti sulla collina alluvionale nei pressi di Sarzana. Tra le uve coltivate da Andrea spicca senz’altro il Vermentino, a cui sono sapientemente affiancate viti di Albarola e Merla (Canaiolo), Merlot e Ciliegiolo. I vini di Santa Caterina sono freschi, sapidi, e una certezza per il naso e il palato: prova l’Etichetta Bianca, la Verde, il Giuncàro e Poggi Alti.

Scopri i vini naturali di Santa Caterina

 

  • La Felce

Diciamocelo: i regali dei nonni sono sempre i migliori. Certo è, però, che tra tutti i regali che poteva fare, Nonno Renato ha donato a suo nipote Andrea il più grande: un’intera azienda agricola. Eredità o dono, in ogni caso, mica facile! Andrea Marcesini studia agraria e continua il lavoro del nonno, fondando l’azienda come la conosciamo oggi: La Felce. I suoi studi mirano a mantenere un approccio il più tradizionale possibile, con interventi minimi sulle vigne che crescono nei filari di Ortonovo, in provincia di la Spezia. Terreni sabbiosi alternati ad altri più argillosi, viti storiche di oltre 50 anni di età e un vino che racconta la storia di un territorio, sì, ma anche e soprattutto la storia di un’intera famiglia. I vini di La Felce sono eleganti, sapidi come l’aria salmastra che li abbraccia da lontano, e minerali.
Da provare senz’altro In origine e Monte dei Frati, emblematici della filosofia e dell’identità di una famiglia che ha scritto un pezzo di storia dell’enologia Ligure.

Scopri i vini naturali di La Felce

 

  • Torchio

Pane e marmellata, Prosciutto e melone, Fave e pecorino… Colli di Luni e Vermentino! Questo è l’abbinamento vinicolo semplicemente perfetto, e questo Giorgio Tendola non sono l’ha capito, ma ha trovato il modo di esprimerlo a gran voce. A 74 anni, Giorgio muore e lascia ai nipoti un’importantissima decisione. Sono questi i momenti della vita in cui i bivi si trasformano in sentieri: e così, Gilda ed Edoardo Musetti decidono di portare alto la tradizione della famiglia. Dal 2012 l’azienda delle colline castelnovesi è in mano a loro, giovani e in gambissima.

I due produttori sono creativi e funky come le bottiglie bellissime che mettono in commercio ogni anno. Di fianco al Vermentino troviamo Canaiolo e Merlot, e la sorpresa del lavoro dei due fratelli è sempre un momento un po’ emozionante. Questa è una storia in primis di coraggio e di voglia di mettersi in gioco, e ci dimostra che per fare il vino servono sì spalle grandi, ma non è mai troppo presto per lanciarsi all’avventura. Assaggiate lo Stralunato, il Logorroico e il Bianco, vini naturali autentici e vivaci.

Scopri i vini naturali di Torchio

 

  • Giorgia Grande

Semplicità, carattere ed eleganza contraddistinguono Giorgia Grande, che rispetto ai produttori sopracitati ha una produzione decisamente più ridotta (e per questo ancora più invidiabile). La cantina dove Giorgia crea i vini espressione della sua filosofia naturale è davvero piccola: una manciata di metri quadri bastano per emozionare il palato? Nel caso di Giorgia, assolutamente sì.

I suoi vini vengono messi in commercio in lotti di circa mille bottiglie annue per etichetta, e per questo, se ne trovi in giro, ti consigliamo di non perdere tempo e di acquistarle subito! A Giorgia il marketing non serve, e la sua cantina di nicchia è uno dei nostri fiori all’occhiello preferiti. I vini raccontano il territorio della Val di vara, in provincia di La Spezia, e sono una sorpresa ad ogni sorso. La terra selvaggia di Cornice non ha nulla di periferico, tranne il nome: è l’immagine riflessa della produzione di Giorgia Grande, che si esprime in note sapide, erbe aromatiche e pura macchia mediterranea. Tra i tanti desideri, esprimete Mediterraneo, SaràSirà, e Raixe, un dono in bottiglia e una coccola al calice.

Scopri i vini naturali di Giorgia Grande

Possa - Principe Jacopo

Possa - Principe Jacopo 2021

Liguria

24.00

Possa - Principe Jacopo 2021

Liguria

24.00
La Felce - In Origine 400

La Felce - In origine 400 Bianco 2021

Liguria di Levante IGT

20.00

La Felce - In origine 400 Bianco 2021

Liguria di Levante IGT

20.00
Giorgia Grande - Raixe

Giorgia Grande - Raixe

Liguria

29.00

Giorgia Grande - Raixe

Liguria

29.00
Spagnoli - Pan

Spagnoli - Pan

Liguria

18.00

Spagnoli - Pan

Liguria

18.00
Santa Caterina - Etichetta Bianca

Santa Caterina - Etichetta Bianca 2019

Liguria di Levante IGT

21.00

Santa Caterina - Etichetta Bianca 2019

Liguria di Levante IGT

21.00
Terra della luna - Plinio 2018

Terra della luna - Plinio 2018

Liguria di Levante IGT

23.00

Terra della luna - Plinio 2018

Liguria di Levante IGT

23.00
Stefano Legnani - Bambo Road

Stefano Legnani - Bambo Road

Liguria

22.00

Stefano Legnani - Bambo Road

Liguria

22.00
Walter De Batte - Harmoge

Walter De Batte - Harmoge 2018

Liguria

48.00

Walter De Batte - Harmoge 2018

Liguria

48.00

Delivery presto disponibile!

Potrai verificate la copertura delivery nella tua zona e ordinare comodamente da casa tua.